Parola d’ordine: lamentarsi.

La scorsa settimana sono stata oggetto di una serie di variazioni sul tema dell’influenza.

Mentre languivo a letto, un lieve malcontento ha iniziato a farsi strada nella mia casa.

anatol-kotte_miss_piggy_contributed

                                                                                                 -Miss Piggy di Anatol Kotte

La fonte di tale sentimento, in parte, è stata interiore- mi sentivo un po’ inutile-, in parte, è da ricercarsi in fattori esterni, come la sottile ironia, mista a fastidio, per il mio mancato supporto nella gestione degli affari domestici.
Da questo episodio, ho avuto un’illuminazione, che ho dovuto condividere con i miei familiari, in quanto responsabili: sono stata educata male.
Non c’è altra spiegazione: i miei genitori hanno sbagliato. Non mi hanno insegnato la regola aurea dell’esser donna: non mi hanno insegnato a lamentarmi! Anzi!
Certo, so essere anche io la “donzella in difficoltà”, all’occorrenza, ma non so approfittare di questa situazione, se non in maniera effimera. Ad esempio, sul posto di lavoro mi capita spesso di dover usare oggetti che non sono alla mia portata, anche perchè sembra sia divertente mettere ciò che mi serve almeno a 180 cm da terra, visto che, nella mia interezza, senza tacchi, ne misuro 164, 168 sulle punte dei piedi. In questi frangenti, è ovvio, se non ho a portata una scala, uno scaleo, una sedia o comunque un mezzo di elevazione, mi servo del collega più vicino e più alto per farmi aiutare,  basandomi sul suo maschio senso di protezione e, di conseguenza, dimostrandomi indifesa come Biancaneve agli occhi del cacciatore. In ogni caso, non sono una professionista. Mi limito.
leibovitz-rachel-weisz
                                                                                                -Biancaneve di Annie Leibovitz

Lamentarsi è un’arte. Un uomo ha bisogno che una donna si lamenti. Gli serve per sentirsi virile, per potersi, a sua volta, lamentare con gli amici di quanto la sua compagna/ fidanzata/ moglie/ essere di sesso femminile, con cui intrattiene rapporti di dubbia moralità, sia pesante, per dare uno scopo alla vita, per giustificare la presenza di un’amante.
Un uomo senza una donna lamentosa è come una donna senza un armadio pieno di scarpe con il tacco.  È triste, inguaribilmente triste ed inutile.
Perciò, bisogna lamentarsi di tutto, battere i piedini come Rossella O’Hara in “Via col Vento“, far sudare ogni singolo attimo di calma e serenità. Rhett non era niente male, eppure Rossella gli faceva cadere dal cielo anche un saluto ed era una lamentela continua, ma lui, prima di pronunciare il celeberrimo “francamente me ne infischio” ci ha messo 4 ore cinematografiche, che, in anni umani, sono ere geologiche.

viacolvento2
Minimizzare non serve. Piangere, con moderazione, aiuta.
Non esagerate con il pianto, perchè il 90% degli uomini non sa gestire una donna che piange, va nel panico e rischia lo shock anafilattico. Come le fatine di Hook, ogni volta che una donna piange, un uomo muore. Quindi regolatevi, a meno che non abbia un’assicurazione sulla vita intestata a voi.
Per il resto, approfittate di ogni occasione utile per lamentarvi, ma fatelo quando siete a tu per tu, in modo che non ci siano prove.
Non ve ne pentirete.
Il lamento è la chiave della felicità.

shirley temple 5

Annunci

Il teorema di Lassie

Sono una bambina degli anni ’80, cresciuta in quel triangolo misterioso, che accomuna programmi televisivi come” Occhi di gatto”, “I Robinson” e “Lassie”.

robinson_ieri_oggi
Con questo bagaglio culturale, non potevo  non diventare un’adulta, per così dire,” complessa” ed imbattermi, perciò, in creature del genere maschile, altrettanto ricche di sfaccettature… ma cosa sto dicendo??? Uomini con delle sfaccettature?!? Ho  forse deciso,inconsciamente, di dare un’impronta fantasy a questo post?

Torniamo alla realtà, la maggior parte degli uomini che ho incontrato, nella mia giovine vita, si è distinta per avere una personalità degna di Jack lo Squartatore, affetto da sindrome premestruale e senza paracadute- altro che Nuvenia!- , accompagnata da un ego che neanche Ottaviano Augusto ai tempi d’oro, compresso in corpi, che variano dal Bronzo di Riace a Giacomo Leopardi- beh, almeno quando capita la versione bronzea, le idiosincrasie interiori si sopportano meglio: è sempre meglio piangere su di una Ferrari, che su di una 500-.

1976dino246gtgambettese

Ma un fenomeno accomuna,  in base a fondati studi statistici, la maggior parte degli uomini che ho frequentato- e che hanno frequentato le mie amiche-:  essere affetti dalla Sindrome di Lassie.

Non si tratta di ipertricosi: è molto più persistente. Ricordate per sommi capi chi fosse Lassie?

1944 Lassie Come Home Roddy Mc Dowall & Lassie

Lassie era un collie, protagonista di un telefilm un po’ datato, su cui si abbattevano le peggiori calamità, in contesti naturalistici degni di Bear Grylls. L’episodio seguiva, quasi costantemente, questo schema:  il cane si smarriva, in un luogo ameno, possibilmente al calare delle tenebre e con qualche animale feroce nei paraggi; l’essere umano, che l’accompagnava, rischiava la vita, in maniera sempre piuttosto creativa;  Lassie riusciva a chiamare i soccorsi, neanche avesse un navigatore sotto il pelo e un traduttore simultaneo cane-umano, e tornava a casa.

La certezza:  il ritorno a casa. Dagli Appennini alle Ande, dal deserto dei Tartari o dall’Uganda, Lassie tornava. Sempre. Il ritorno di Lassie era un fatto indubitabile. Come l’esistenza di Google. – Su Dio, non mi pronuncio…-

La stessa regola vale per gran parte del genere umano maschile. È inutile stare ad angustiarsi per la telefonata non ricevuta, per il messaggio non arrivato o, meglio ancora, “visulizzato alle…”, ma che non ha ottenuto risposta. Per dirla con i Guns ‘n’ Roses “Said woman take it slow /It’ll work itself out fine/All we need is just a little patience”, ovviamente Axl non alludeva alla sindrome di Lassie,  ma è una bellissima canzone per far passare il tempo.

PATIENCE

State tranquille: come Lassie, gli uomini, almeno quasi tutti, tornano sempre. Prima o poi. Bisogna solo mettersi sulla riva del fiume, alla stregua del famoso cinese del proverbio, e attendere, pazientemente e magari con delle amiche, il cadavere del proprio nemico… certo, non fate della vostra vita un’attesa, alcuni non tornano- per fortuna!- e, soprattutto, visto che siete lì sul greto del fiume: bikini, crema solare e cappello di paglia… sia mai che ne passi uno migliore, nel frattempo!

“Trovi un altro più bello che problemi non ha” Raffaella Carrà

women_bikini_beach_vintage_classic_pin-up_50_woman_desktop_1280x1024_wallpaper-326845